“Imane Fadil non è stata avvelenata”, per i consulenti della Procura morta per cause naturali

54


Le indiscrezioni sulle conclusione a cui sarebbero arrivati i consulenti della procura di Milano incaricati di accertare la causa del decesso della giovane testimone dei processi Ruby morta lo scorso marzo dopo un mese di agonia. La relazione dei consulenti medico-legali deve ancora essere depositata: è attesa per la prossima settimana .
Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.