Messina, imputato “non cosciente al processo”, annullato ergastolo: “Prima volta in Italia”

86


La Corte di Assise di appello di Messina ha dichiarato non doversi procedere nei confronti di Giovanni Vinci, accusato dell’omicidio volontario di Stefano Marchese, ucciso nel 2005 nel quartiere Annunziata di Messina, perché non può partecipare coscientemente al processo. In primo grado era stato condannato all’ergastolo.
Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.