La prigione di Paola, segregata in casa a 17 anni e trovata morta tra escrementi e immondizia

364


Chiunque abbia provato a contattare Paola Manchisi negli ultimi 14 anni è stato respinto dai suoi genitori. “Paola sta bene, non vuole vedere nessuno”. Poi il giorno dell’epifania del 2018, la ragazza viene trovata cadavere in casa dei suoi. Denutrita e coperta di larve per l’ambiente malsano, tra escrementi e immondizia è morta senza poter ricevere aiuto. I genitori sono ora indagati per la sua morte.
Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.